L’ arte in barattolo

7 dicembre 2014 § 1 Commento

Quando passando tra gli scaffali di un supermercato mi sono imbattuta in questo barattolo,  ho pensato che fosse uno scherzo, o che avessi le traveggole. La mitica “Campbell’s” soup é proprio lì, vicino casa mia: la famosa soup di pollo e di pomodoro, mangiata da un giovanissimo Andy Warhol («La ragione per cui dipinse i barattoli della Campbell è che li odiava. Quand’era bambino sua madre gli preparava ogni giorno una di quelle zuppe. Andy si sedeva a tavola e diceva: Mio Dio, mamma, ancora zuppa?»),  e diventata opera d’arte nei suoi famosissimi quadri é sotto i miei occhi, la prendo, me la rigiro tra le mani, ne leggo la provenienza: da Girona, contiene orzo, sedano, cipolla, costa 2,79 euro per 295 gr., scadenza febbraio  2017. Naturalmente la compro. Riuscirò ad assaggiarla? Non lo so , per ora la metto insieme alle spezie in cucina, in bella vista. La sua etichetta rossa é diventata talmente famosa che non vedo più il barattolo e il suo contenuto, vedo l’opera d’arte. Ho cercato in rete qualche altra notizia ed ho trovato questo articolo. Un po’ di pop art in casa ci sta proprio bene.

 

30 maggio 2014 § Lascia un commento

DSC_0093

la foto e il fiore bianco

2 marzo 2009 § Lascia un commento

Fermare i ricordi

19 gennaio 2009 § 4 commenti

Bordo della sedia. Alle spalle la libreria

L'orologio della nonna. Piccolo con il cornetto d'oro

Orologio Festina (della nonna)

orologio della nonna

prima lezione: qualcuno di passaggio, riuscirà a spiegarmi …

10 gennaio 2009 § 1 Commento

come mai nel dettaglio c’è la profondità?
Questa mattina mi sono alzata presto. Giornata piovosa, fredda, ho voglia di colori, vado al vivaio. Umido. Trovo una delle tante piccole cose che mi piacciono: i bulbi. Anche se la primavera é ancora lontana, alcuni si sono dischiusi. Giacinto. Quando li trovi al supermercato sono giganteschi e appassiscono subito. Questi qui sono piccole cipolle con la pellicina violacea. I vasetti che li contengono sono colorati, stesso colore delle foglie che usciranno. Torno a casa, frenesia. Allestisco come sempre il set, sul balcone. All’inizio dei miei esperimenti avevo bisogno di spazio, non mi bastava mai, spostavo i vasi dei fiori in continuazione per reperire quella profondità che cercavo di introdurre nelle foto. Prova e riprova, mi sono resa conto che ora mi basta poco più di un metro di tavolo per avere l’illusione che ci sia qualcosa al di là. Quello che più mi stupisce – é qui che mi sento stupida – é che tanto più mi avvicino, tanto più i mondi del ravanello, del bulbo o della cipolla si “aprono”. Mi piace questa illusione. Avere in poco spazio infinite possibilità di “vedere”.

P.S.: passando lentamente il mouse sulle foto ci sarà qualche altra indicazione

tutti insieme ... pure i ravanelli si sono infilati

il colore dei vasetti: vedete?

cipolla viola su tulle viola

anche questa

forse é quella che mi piace di più

magia

sfondo etereo

cipolla adorata

colore rosa

ecco le cipolle che adoro

quel pezzo di colore viola dietro é un pezzo di tulle

Vedete dietro che mondo esce fuori ?

Mi piace molto

Ecco il poster di Monet che mi ha aiutato per lo sfondo

Eccoli qui i protagonisti da lontano

a quelli di prima … mancava qualcosa (il ciuffetto di erbetta !)

10 gennaio 2009 § Lascia un commento

... e basta ravanelli, eh?

ancora uno ...

Tanti ravanelli

Sullo sfondo ci sono pezzetti di legno giallo

Le piccole radici rimaste attaccate

il ravanello completo del ciuffo

L’uva, il ciclamino, il macinapepe, il bicchiere

4 gennaio 2009 § 2 commenti

Per ottenere l’effetto “brina” sull’acino di uva, basta spruzzarci sopra un velo di zucchero .. a velo. L’effetto é molto decorativo. Suggerito, naturalmente, da Rocco (e i suoi fornelli) .
Il ciclamino sulla tovaglia ( si intravede la trama)  Ciclamino in primo piano Altro ciclamino Sul bicchiere Uva "gelata" in controluce Fondo di bicchiere; la magia della luce sul cucchiaio Macinapepe

Meno pochi giorni

15 dicembre 2008 § 1 Commento

Natale alla Factory

14 dicembre 2008 § 1 Commento





Design anni ’60

30 novembre 2008 § Lascia un commento

“Formespazio” – Cigola
Porta Portese, Roma, ogni domenica mattina fino alle quattordici o giù di lì il “mercato delle pulci”. Attira l’attenzione il plexiglass modellato da questo signore, bianco e nero, forme e design anni ’60 per oggetti di alta bigiotteria e lampade.






Sta finendo novembre

26 novembre 2008 § 2 commenti





Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag Gli oggetti su La factory di Fia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: